Coltivazioni Indoor

Come coltivare la cannabis indoor

La scelta della varietà dei semi è di grande importanza. Le rese e la qualità delle piante coltivate sotto luci artificiali dipendono principalmente da:
1. la varietà,
2. se le piante sono cresciute da semi o cloni,
3. dopo quanti giorni di crescita le piante vengono messe in fioritura
4. l'ottimizzazione delle condizioni climatiche della grow room.

Semi per la coltivazione indoorSemi per la coltivazione indoor

Quali semi usare per la coltivazione della cannabis indoor

Oltre alle varietà "true breedings", la nostra collezione di semi comprende diversi ibridi F-1. Incrociando due ceppi "true breedings" (ibridi) si ottengono ibridi F-1 che possiedono il cosiddetto "Hybrid Vigor". Ciò significa che la generazione F-1 è molto più potente di entrambi i genitori. Le generazioni F-1 consistono anche in piante uniformi.

L'importanza della luce nella coltivazione della cannabis indoor

La coltivazione della cannabis indoor si basa sull'uso di potenti luci artificiali per replicare l'effetto del sole. Generalmente queste luci richiedono centinaia di watt di energia elettrica per funzionare e sono comunemente chiamate HPS (sodio ad alta pressione). Si possono utilizzare luci fluorescenti, alogenuri metallici, luci a LED e altri tipi.

La cannabis ama la luce e il coltivatore indoor di successo cerca di fornire più luce possibile. Considerate 250 watt/m² solo come punto di partenza minimo e, se possibile, mirare realisticamente a 2-3 volte quel livello.

Più luce significherà gemme più grandi, più dense e rese superiori. Oltre a fornire alti livelli di luce, il coltivatore indoor di successo mantiene le piante il più vicino possibile alla luce per massimizzare l'intensità della luce che raggiunge le foglie e le gemme. Spesso il coltivatore avrà un'area in crescita di 1-2 m² progettata sotto una singola lampada al sodio ad alta pressione da 400W o 600W.

Il coltivatore di cannabis indoor deve fare attenzione che la pianta non cresca troppo vicino alla luce e si danneggi. Se la luce si sente fredda sul dorso della mano, sarà anche fredda per la pianta e viceversa col caldo. Per una lampada da 400W, la distanza della pianta dal bulbo deve essere di circa 40-50 cm.

Le piante di cannabis possono essere piegate e legate se diventano troppo alte, alcuni coltivatori indoor deliberatamente addestrano le loro piante in questo modo per ottenere la maggior quantità possibile di piante vicine (ma non troppo vicine) alla luce ad alta intensità. Alcuni ceppi rispondono bene ad avere la punta crescente della pianta pizzicata (nota come "topping", "FIM" o pizzicatura) dopo la quarta o quinta coppia di foglie. Le piante risultanti sono spesso più piccole e cespugliose senza il gambo principale di crescita dominante (o "cola") e sono preferite per alcune growrooms più piccole.

Metodo di coltivazione della cannabis secondo la tecnica SCROG

 

Alcuni coltivatori al coperto addestrano le piante sotto uno schermo a forma di filo di metallo che consente alle gemme di crescere verticalmente mentre il gambo e la parte in crescita della pianta crescono orizzontalmente. Questa tecnica SCROG (schermo di verde) consente al coltivatore indoor di mantenere la maggior quantità possibile di crescita della gemma equidistante alla lampada, massimizzando l'efficienza e la resa.


L'Aria e la Temperatura della serra nella coltivazione della cannabis indoor

I fornitori specializzati offrono luci 'raffreddate ad aria' per i coltivatori indoor che racchiudono la luce in un involucro di vetro. Una ventola spinge l'aria sopra la luce e all'esterno della grow room attraverso i tubi, mantenendo la stanza di crescita fresca e consentendo alle piante di diventare più alte senza bruciare.

 

Le grow room sono tipicamente mantenute tra 24°C e 30°C per risultati ottimali. Temperature più elevate possono far appassire le piante e temperature più fredde possono rallentare la crescita. Le piante avranno bisogno di una leggera brezza proveniente da un ventilatore e di una quantità costante di aria fresca che può provenire da casa o dall'esterno. L'aria viziata proveniente dalla grow room viene normalmente estratta continuamente da un ventilatore e deodorizzata con un filtro a carbone.

Alcuni coltivatori investono anche in generatori di ozono per rimuovere ulteriormente gli odori dall'aria esausta della stanza di coltivazione.


La germinazione, la crescita vegetativa e la fioritura nelle coltivazioni della cannabis indoor

Far germogliare i semi di cannabis può essere fatto in vari modi e Internet è pieno di forum di cannabis che documentano vari metodi. Un metodo semplice consiste nel posizionare semplicemente i semi a circa 1 cm al di sotto della superficie del terreno umido ben premuto. Un film di cellophane da cucina sopra la superficie aiuta a mantenere umide le condizioni e dopo alcuni giorni di temperature intorno ai 20-25 ° C, i semi germoglieranno. Crescere da talee di piante "madri" è un'alternativa alla crescita da semi. 

 

Nelle prime fasi della vita, le piantine sono felici di iniziare con intensità di luce più basse spesso un metro sotto una luce HPS o più vicino a luci fluorescenti. Le luci artificiali sono normalmente accese per 18-24 ore al giorno. Durante questo periodo le piantine sono in uno stato di crescita vegetativa, continueranno a crescere radici, foglie e rami ma nessuna gemma.

Riducendo la luce giornaliera a circa 12 ore, la pianta di cannabis passa alla fase di 'fioritura'. Questo stadio richiede normalmente 8-10 settimane (ma più per alcuni ceppi) ed è durante questo periodo che si formano i fiori femminili. Durante questa fase le piante guadagnano un sacco di massa e tollerano più nutrienti e luce molto brillante. Alcuni coltivatori introducono un'illuminazione supplementare per garantire i migliori rendimenti.

 

Alla fine di questo processo la pianta viene tagliata e le gemme (fiori femminili non impollinati) vengono essiccate. Alcuni coltivatori raccolgono le piante quando vedono i tricomi iniziare a transitare da limpidi a nuvolosi (ciò richiede una potente lente di ingrandimento / raggio di osservazione). Questo spesso coincide con la gemma che produce molti peli di pistillo rosso/arancio. Alcuni fumatori preferiscono la raccolta anticipata, altri preferiscono la gemma vendemmiata tardivamente.

 

 

Quando il fiore cresce, sei tu che decidi esattamente come ti piace! In generale, periodi più lunghi di crescita vegetativa cresceranno piante più grandi e sosterranno maggiori rese durante la successiva fioritura.

In genere vengono utilizzate 2-6 settimane di crescita vegetativa e durante la successiva fioritura, le piante possono aumentare fino a 2 o 3 volte la loro altezza originale.

Metodo di coltivazione della cannabis secondo la tecnica SOG

Alcuni coltivatori usano il metodo "sea of ​​green" (SOG), che utilizza solo pochi giorni di crescita vegetativa prima di passare alle condizioni di "fioritura". Questa tecnica produce piccole piante di bassa/media resa ma consente una produzione veloce. A questo link ulteriori informazioni.

Come gestire piante maschili e femminili nella coltivazione della cannabis indoor

 

Le piante maschili sono quasi sempre distrutte dal coltivatore indoor perché non producono cime e, data la possibilità, impollinano le piante femminili riducendole a seme. I semi femminizzati sono apprezzati dai coltivatori indoor perché eliminano virtualmente la possibilità delle piante maschili. Per molti coltivatori indoor, le sementi femminilizzate di un fornitore di qualità sono considerate l'unica strada da percorrere. Se i fiori maschili compaiono alla fine di un ciclo di fioritura femminile, non farti prendere dal panico, semplicemente pizzica i fiori maschili. I germogli femminili sono maturi e non sono influenzati dalla comparsa di fiori maschili canaglia isolati in ritardo nel ciclo di fioritura. 

Come utilizzare i nutrienti per le piantine di cannabis

Un errore comune dei coltivatori inesperti è la tendenza a sovrasfruttare le piante coltivate sul terreno. Valuta bene l'utilizzo dei tuoi vasi e dell'acqua in base al fabbisogno delle piante.  La coltivazione della cannabis all'interno richiederà l'uso e l'acquisto di mangimi vegetali. non è complicato, tutto il nutrimento delle piante fornisce sostanze nutritive essenziali alle radici, non importa se le radici crescono in ciottoli di argilla, lana di roccia, fibra di cocco o un sistema idroponico.  Leggi le istruzioni sulle etichette dei nutrienti ed evita la tentazione del principiante di superare i livelli raccomandati. Il giardiniere esperto può 'leggere' le sue piante e imparerà quando irrigare e nutrire le piante. Leggi qui per saperne di più su quali nutrienti utilizzare.

 

Considerazioni finali per la coltivazione delle piantine di cannabis

La coltivazione indoor consente alle piante di svilupparsi in condizioni di crescita strettamente controllate senza la normale schiera di parassiti all'aperto. Una volta che il coltivatore ha messo a punto il sistema giusto, il vostro metodo vi permetterà di coltivare cannabis di grande qualità.

Coltivare cannabis in casa non è mai stato così popolare come lo è oggi, né è altrettanto facile produrre erbe di ottima qualità. I fornitori di sementi professionali, i fornitori di attrezzature, i consigli e le informazioni sono tutti disponibili su Internet.

HerbaMonkey

Noi di HerbaMonkey siamo qui per questo, per aiutarti in questa magnifica esperienza ed impresa. 

Una buona coltivazione comincia dai semi, da un'occhiata alle nostre sementi a questo link.

Se invece hai bisogno di aiuto, contattaci per ricevere una consulenza su come impostare la tua serra indoor!